Tecnologia

 

 

 Ľ ottimo materiale per la lavorazione di barili si ottiene dalla quercia tipo frainetto (Quercus frainetto). In Bulgaria è diffuso fino a 1000 metri sul livello del mare nelle pianure o sui versanti della montagna che danno a sud, ovest o sud-ovest. Il midollo è poroso circolare e grosso. Il frainetto è stretto e giallognolo chiaro, e il nucleo è largo e giallognolo – marrone. Il midollo è duro, pesante, con peso volumetrico di 870 - 960 kg/m3 ed è molto più resistente dagli altri tipi di quercia.

   Il processo di produzione comincia con la scelta del midollo di ottima qualità che corrisponde a tutte le norme ed esigenze europee, e poi comincia il processo di taglio e formazione. Il materiale preparato si mette in deposito e si forma in figure. Si rimane ad essiccazione naturale per un periodo di 18 mesi. Secondo il volume del barile si scelgono la lunghezza, lo spessore e il numero delle doghe, e poi segue ľ operazione di raccolta. La lavorazione termica è importantissima per il funzionamento del barile, e si fa con lo stesso materiale dal quale sono fatte le foghe del barile. Il riscaldamento a fuoco con temperatura variabile cambia il contenuto della quercia, con fine di distruggere i polisaccaridi e di ottenere ľ aroma e colore specifici della quercia. Questo ha significato eccezionale per il gusto caratteristico e il colore dei vini. Si fatto i seguenti lavori termici: L, M, M+, H. Ľ ultima tappa dalla lavorazione è mettere il fondo e dare ľ ultimo tocco al barile.



 

 

 





 

Copyright © 2008